Milano, multe e mobilità

Posted on lunedì 26 ottobre 2009 by Lorenzo Lipparini in ,
Diverse centinaia di appassionati di spot televisivi e operatori del settore hanno partecipato, lo scorso weekend a Milano, alla Notte dei Pubblivori: due serate di proiezioni commerciali presso il Teatro degli Arcimboldi, in zona Bicocca.

Agenti della polizia municipale erano presenti in forze per regolare l’abbondante affluenza di pubblico. Avendo cura di attendere che l’ultimo visitatore fosse entrato nel teatro, una volta chiuse le porte, la task force si è potuta dedicare all’elevazione di contravvenzioni a tutte le auto malamente posteggiate nel quartiere. Nulla di nuovo o scandaloso, i divieti di sosta sono ben segnalati e il rischio di multe è sempre dietro l’angolo. Quello che preoccupa è l’aspetto pianificato e capillare dell’azione dei Vigili e dell’amministrazione comunale, che preferisce abbuffarsi di multe piuttosto che dedicarsi a ben altri interventi, strutturali e utili.

Raggiungere la zona Bicocca coi mezzi pubblici è impresa ardua. Impossibile tornare a casa alla fine della serata. I mezzi, semplicemente, non ci sono.
Impossibile usare un taxi: il posteggio attrezzato di fronte al teatro è deserto (praticamente, da mesi, non ospita taxi). Chiamarne uno per essere riaccompagnati rischia di essere un salasso. Il regolamento comunale Taxi consente agli autisti di far partire il tassametro al momento della chiamata e l’auto potrebbe arrivare già con un conto di diverse decine di euro.
I posteggi, infine, sono tutti completi. Quelli liberi sono riservati ai pochi residenti. Altrove, dove abbondano le strisce blu per i posti a pagamento, la scommessa è riuscire a trovare il tagliando Gratta e sosta per il posteggio. Gli esercizi commerciali che li vendono sono aperti solo di giorno, la notte si può cercare per ore.

All’estero, in concomitanza con grossi eventi, si istituiscono linee speciali e i taxi sostano davanti a qualsiasi luogo affollato. I mezzi pubblici circolano tutta la notte (almeno il weekend), e i tagliandi per la sosta si acquistano in distributori automatici.

A Milano, la Giunta sceglie di non affrontare i problemi dalla mobilità, che diventano invece un’occasione di speculazione. Anziché discutere di possibili soluzioni, in Comune sembrano impegnati a scorrere la lista dei prossimi avvenimenti (spesso patrocinati!) per non dimenticare di partecipare: con un nutrito gruppo di voraci e zelanti estensori di multe.


Postato su Metilparaben
Metilparaben: Scrivi con Metilparaben

3 commenti:

marco ha detto...

Scusa Lorenzo, ma inveci di dire che chiamare un taxi potrebbe essere un salasso, perchè non provi effettivamente a chiamarlo dall'Arcimboldi?
Poi da dove salta fuori l'asserzione che quel posteggio è deserto da mesi?
Vivi sulla Luna o inventi tanto per scrivere qualcosa? E no così è troppo facile, tutti sono capaci di inventare per fare sensazione.

Lorenzo Lipparini ha detto...

marco, mi capita spesso di chiamare o prenotare taxi a milano e non arrivano mai con meno di 10 euro di tassametro. All'estero questo non succede. Sul posteggio in Bicocca, in effetti, non posso dire con certezza quello che avviene di giorno. Di notte, però, sono capitato negli ultimi anni piò di una volta e ricordo perfettamente di averlo visto sempre vuoto.
Sui parchimetri automatici invece mi devo ricredere: in centro sono comparsi i primi. Me ne rallegro.
L.

Gaia ha detto...

Posso assolutamente confermare ciò che ha scritto Lorenzo.
A Milano la situazione della mobilità è scandalosa.
Prendere un taxi dal giovedì al sabato sera è un'impresa!I parcheggi sono DESERTI - anche quello di fronte alla Scala, che vede spesso sciure sui tacchi (e spesso con l'ombrello) aspettare per minuti e minuti e minuti che arrivi il taxi successivo, senza potersi neanche sedere sotto una semplice pensilina -
Quando tenti di chiamarlo, stai in attesa finchè ti passa la voglia e SE SEI RIUSCITA A TROVARLO arriva con una media di 8 euro sul tassametro...cosa che OGNI VOLTA mi fa chiedere spiegazioni.
Inoltre vorrei aggiungere che l'ATM è così efficiente che per avere un normalissimo abbonamento annuale fa attendere i suoi clienti 15 giorni!!!E non è che ti avvisino loro quando è pronto!NOOO!Devi andare tu all''Atm Point prendere il numerino e quando è il tuo turno chiedere SE E' PRONTO IL TUO ABBONAMENTO.
Comodo....per la priam volta mi viene da dire:Brunetta dove seiiiiiiii?????

Posta un commento